OSA

Ordine di Sant' Agostino

"Anima una et cor unum in Deum!" (Regula)

Menu
Pensiero di Sant'Agostino
Questo è lo scopo cui mirano costantemente le divine e Sacre Scritture, quello, cioè, di purificare il nostro interno da ciò che c'impedisce la vista di Dio.
(Serm. 88, 5, 5)
Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore non ha posa finché non riposa in te.
(Confess. 1, 1, 1)
Quale sublimità, Signore, la tua nelle cose sublimi e quale profondità nelle profonde! Ebbene, Signore, agisci, svegliaci e richiamaci, accendi e rapisci, ardi, sii dolce. E noi amiamo e corriamo.
(Confess. 8, 3, 8 s.)
Luoghi
Dall` Ordine

Page 1 of 20  > >>

Valletta (Malta), 14 settembre 2017 - Con la messa solenne celebrata nella già chiesa conventuale dei Cavalieri di Malta, oggi con-cattedrale alla Valletta, presieduta dall’Arcivescovo Metropolita Mons. Charles J. Scicluna, si sono concluse le celebrazioni per la commemorazione dei 200 anni dalla fondazione della Provincia Agostiniana di Malta, che ha come patrono l’Evangelista San Marco. Durante questo anno si sono tenute varie celebrazioni di natura pastorale, culturale e sociale che hanno segnato il calendario con un riflesso nelle varie attività che oggi ha la Provincia.

A concelebrare con l’Arcivescovo, il Priore Provinciale P. Raymond Francalanza e tutti i frati della Provincia, Mons. Mario Grech, vescovo di Gozo, Mons. Alessandro D’Errico, nunzio apostolico, Mons. Pawlu Cremona OP, arcivescovo emerito di Malta, i rappresentanti di altre provincie religiose e vari sacerdoti, alcuni dei quali hanno ricevuto la loro formazione nel St. Augustine College. Erano presenti anche le suore Agostiniane Serve di Gesù e Maria e una numerosa presenza di laici agostiniani ed altri laici simpatizzanti, vicini alle nostre realtà pastorali.

I primi Agostiniani sono arrivati sulle isole maltesi verso la fine del XIV secolo. Dopo due tentativi mai andati in porto, finalmente nel 1817 è nata la Provincia di Malta, da tre conventi: Rabat, Valletta e Victoria. Oggi la Provincia ha 6 comunità, e il campo ministeriale comprende: il lavoro pastorale-parrocchiale, educativo, sociale e culturale. Alcune frati lavorano a Cuba, in Brasile e in Italia. Nel passato tra i campi missionari erano incluse le presenze in Algeria, Tunisia, Australia, Canada e USA. Oggi la provincia consta di 39 professi solenni, e fra i suoi membri si enumera Sua Eminenza Prospero Card. Grech.

Con questa commemorazione dei primi 200 anni dalla formazione della Provincia, staccatasi da quella siciliana, si vuole rendere grazie a Dio per la storia di questi anni e guardare avanti con coraggio, con piena fiducia nella fedeltà di Dio, al quale si rende onore e gloria.

Come sapete Irma era un uragano molto forte, categoria cinque. Quest'ultimo mese è stato estremamente caldo e molto umido. Anche i cubani avevano difficoltà a respirare. All'inizio di settembre la televisione nazionale cominciò ad avvertire la popolazione sull'arrivo di Irma, un enorme uragano di grande magnitudo. Qui hanno un eccellente istituto meteorologico che è veramente aggiornato e che informa - quasi ogni ora - sullo sviluppo del fenomeno. Ci è stato detto, prima del suo arrivo, che probabilmente avrebbe attraversato tutto il paese, quindi tutti dovevano essere pronti ad affrontare l'evento. Raramente abbiamo uragani nella provincia di La Havana, ma questa volta era diverso.

Irma è arrivato a Cuba, nel sud, il 4 settembre e ha passato le province di Santiago de Cuba e Holguin nei giorni seguenti. Qui, in casa nostra, abbiamo un prenovizio da La Havana e due aspiranti, uno da Santiago de Cuba e l'altra da Holguin. Quando questi ultimi due hanno telefonato a casa ci dicevano che le loro regioni non erano state molto colpite. Nella provincia di Holguín abbiamo anche una comunità a Puerto Padre e diverse cappelle e case missionarie nella campagna adiacente. Fr. Miguel Angel era da solo a Puerto Padre quando l'uragano è arrivato da loro. Il nostro delegato, p. Aldo, che era in contatto telefonico con lui, ci ha detto che la nostra casa a Puerto Padre non è stata colpita, ma il forte vento ha sradicato gli alberi e ha danneggiato i tetti in alluminio. Non abbiamo informazioni precise sulle nostre cappelle e le case missionarie in campagna, ma sicuramente dovrebbero essere state colpite.

Le province più colpite sono quelle di Camagüey e Ciego de Ávila. A Chambas, in provincia di Ciego de Ávila, abbiamo una comunità, cappelle e case di missione e alcuni di loro, in particolare la zona della Florida e in particolare la parte litorale di Punta Alegre sono stati fortemente colpiti. Fr. José Alberto, parroco di Chambas e consigliere della delegazione, ha informato il nostro delegato che lui, F. Paco e il nuovo vescovo eletto che sarà consacrato il 30 settembre sono stati in loco con Caritas per valutare la situazione. A causa di questa situazione e affinché i nostri fratelli possano organizzare l'aiuto della Chiesa, è stato deciso di sospendere il primo ritiro annuale della Delegazione che si doveva tenere qui a La Havana, dal 23 al 28 settembre.

Per quanto riguarda noi, qui a La Havana, abbiamo preso tutte le precauzioni necessarie per evitare danni e distruzioni. Siamo stati informati dalla televisione che Irma colpirà La Havana e Pinar del Rio solo attraverso la sua coda e poi si dirigerà verso Miami. E così é stato. Abbiamo cominciato a sentire i primi effetti venerdì nel tardo pomeriggio: forte vento, nuvole e qualche pioggia. Sabato ci siamo svegliati con un cielo pieno di sole e il vento non era molto forte. Ma nel pomeriggio avevamo vento forte, nuvole e pioggia. Intorno alle 20.00 l'elettricità era già andata via. La parte peggiore è stata durante la notte tra sabato e domenica, dove è stata colpita fortemente la parte centrale di La Havana. Irma è entrata nella nostra città attraverso il Malecón (la Strand) con onde che salivano fino a dieci metri, causando inondazioni nelle parti litorali della città, con un vento che soffia a circa 260 mph, sradicando alberi, pali elettrici e i lampioni appena installati. Il vento ha continuato a soffiare la mattina di domenica accompagnato da qualche pioggia. Per evitare inutili inconvenienti per i nostri parrocchiani, p. Aldo, nostro parroco, ha deciso di sospendere la massa parrocchiale delle 11.00. Intorno alle 15.00 tutto era finito. Ora stiamo tornando alla normalità e ancora una volta i cubani sono in strada per chiacchierare, cantare e nessuno di loro lamenta gli effetti distruttivi di Irma. Le strade vengono pulite, l'elettricità, almeno nella nostra zona, è tornata completamente, le scuole hanno ripreso il loro corso e i negozi hanno nuovamente aperto le loro porte. Ora aspettiamo José, ma la gente non sembra preoccupata, perché è di solo categoria due. Aspettiamo e vediamo ... ma certamente non c'è modo di rinunciare al nostro entusiasmo per servire umilmente la Chiesa, l'Ordine e il popolo cubano.

P. Lucian Borg OSA.

Una preghiera per i nostri fratelli dalla Provincia Agostiniana del Santissimo Nome di Gesù del Messico, dopo che una delle loro parrocchie, la parrocchia di San Giacomo (Parroquia de Santiago Apostol) a Ocuilan, Stato del Messico è stata distrutta dal terremoto di magnitudo 7.1 che ha sconvolto la parte centrale del paese.

A partire dalla pubblicazione, il numero totale di vittime ha superato le 225 persone, di cui la maggior parte sono degli stati di Morelos, Pueblas e Messico.

L'epicentro del terremoto é stato vicino a Atencingo nello stato di Puebla, a circa 120 km (75 miglia) da Città del Messico, con una profondità di 51 km, secondo l'US Geological Survey.

Ispirata da una petizione del Papa Francesco in occasione della sua visita pastorale, una giovane agostiniana intraprende una grande avventura nella quale scoprirà l'inizio dell'Ordine di Sant'Agostino in Perù.

 

 

Un gruppo di giovani di Madrid, Spagna e St. Augustine's College, San Diego, USA ha fatto un pellegrinaggio lungo il Camino di Santiago, organizzato dalla Commissione Internazionale Gioventù dell'Ordine. La camminata iniziata da Villafranca il 4 agosto 2017 e si é conclusa con l'arrivo a Santiago de Compostela il 12 agosto 2017.

La maggior parte dei partecipanti, si sono incontrati per la prima volta e hanno condiviso le esperienze e un forte legame di amicizia. L'unità e la comunione li hanno sostenuti finché si sono avvicinati a una migliore comprensione di se stessi come pellegrini nella vita, sforzandosi per raggiungere la meta comune. All'arrivo, hanno partecipato alla celebrazione eucaristica per i pellegrini presieduta dall'arcivescovo di Santiago de Compostela, Sua Grazia M. Rev. Julián Barrio Barrio che ha ricordato a tutti i pellegrini di vivere secondo il Vangelo senza paura o vergogna. Ha anche sottolineato che il mondo di oggi ha bisogno di autentici e coraggiosi cristiani come San Giacomo Apostolo.

Il Camino è stato un esercizio ricco e spirituale, che i partecipanti hanno apprezzato, e rimarrà sicuramente una componente importante della loro fede e storia di vita.

Un ringraziamento speciale al Priore Generale per la sua lettera di incoraggiamento e vicinanza (inviata e letta) durante il pellegrinaggio, a tutti i partecipanti, ai loro genitori e alle Province che hanno contribuito a rendere possibile il Camino.

Il Congresso Internazionale Agostiniano per l'Educazione si é svolto presso l'Università di Villanova, dal 24 al 28 luglio 2017. Più di 150 partecipanti provenienti da oltre 50 centri di Educazione Agostiniani, hanno partecipato al Congresso rappresentando 25 diversi paesi. Il tema del congresso: Pedagogia Agostiniana: una passione per l'educazione.

La maggior parte dei partecipanti é stata ospitata presso il Campus dell'Università di Villanova negli Stati uniti, e hanno potuto visitare la Malvern Preparatory School e la parrocchia di S. Agostino a Philadelphia.

Il congresso si é articolato in presentazione, networking, celebrazioni liturgiche, deliziosi pasti e laboratori creativi. Ogni laboratorio ha fornito l'opportunità di interazione tra i partecipanti e i presentatori. Ogni centro d'istruzione che ha partecipato, ha condiviso informazioni sul proprio percorso Agostiniano con gli altri. Alla conclusione del Congresso, molti sono stati i pareri positivi: é stata una preziosa opportunità per incontrare colleghi nell'istruzione e per imparare l'uno dall'altro come insegnare e imparare nei nostri centri.

Saluti a tutti e grazie tante per quelli che hanno partecipato e per tutti che lavorano nel campo della educazione agostiniana.

Qui c'è il link per più informazione e foto Pagina del congresso (in spagnolo)

Oggi, sabato, 29 luglio 2017, è stato annunciato che il Santo Padre, Papa Francesco, ha nominato il nostro fratello, P. Helizandro Terán Bermúdez, OSA, del Vicariato del Venezuela, Provincia delle Filippine (Spagna), Vescovo di Ciudad Guayana, Venezuela. Mons. Terán Bermúdez è nato il 7 giugno 1965 a Maracaibo, Venezuela. Dopo gli studi nel Colegio Gonzaga di Maracaibo, ha iniziato i suoi studi nell’Universidad Cecilio Acosta, ma ha interrotto i suoi studi per entrare nel Seminario de los Padres Agostinos a Caracas nel 1987. Dopo il pre-noviziato a Ocotal (Nicaragua), è entrato nel noviziato (1990-1991). Dopo la professione dei voti (1991), ha iniziato i suoi studi teologici e nel 1995 ha ricevuto il “Baccalaureatum in Teologia”, titolo conferito dalla Pontificia Università Salesiana di Roma. Ha professato i voti solenni il 22 dicembre 1994 ed è stato ordinato sacerdote il 9 settembre 1995 a Caracas, Venezuela. Ha finito i suoi studi nella Universidad Cecilio Acosta, ottenendo il titolo “Licenziato in Educazione Integrale”. nel 1996 è venuto a Roma, dove studiava alla Pontificia Università Gregoriana, ricevendo la Licenzia in Teologia Dogmatica, (1998). Allo stesso tempo ha ricevuto il “Baccalaureatum in Filosofia” dalla Pontificia Università Salesiana di Roma (2000). Nel 2005 ha ricevuto i suo “Dottorato in Teologia Dogmatica” alla Pontificia Università Gregoriana. Nel 1999 e stato nominato professore della Facoltà dell’Universidad Andrés Bello di Caracas, con le cattedre di Antropologia Teologica e Mistero di Dio. Nel 1999 è stato eletto Consigliere e Segretario del Vicariato del Venezuela, formando parte dell’equipe dell’animazione per il Progetto del Rinovamento dell’Ordine Agostiniano nell’America Latina. Ha lavorato da 2000 anche nel Colegio San Agustín a Caricuao, animando pastoralmente gli alunni. Nel marzo 2006 è stato nominato professore nell’Universidad Andrés Bello con le cattedre di Rivelazione e Credibilità e Teologia Sacramentale. Anche, nel 2016 è stato nominato Rettore del Colegio San Agustín di Caricuao fino adesso. Nel luglio 2010 è stato eletto Superiore Maggiore del Vicariato degli Agostiniani del Venezuela (2010 al presente).

A nome del tutto l’Ordine voglio porgere i miei auguri più cordiali a Mons. Helizandro Terán Bermúdez nel momento della sua chiamata per servire la chiesa come vescovo, e invito tutti a offrirgli il nostro aiuto fraterno e le nostre preghiere all’inizio del suo nuovo ministero.

P. Alejandro Moral Antón
Priore Generale

“L'esperienza interculturale del ministero pastorale in un'Europa in evoluzione. Nuove forme di evangelizzazione nell'Ordine”

Recentemente, è stata organizzata una Conferenza dalla Commissione per l'Evangelizzazione e il Ministero Pastorale per le circoscrizioni europee. L'evento si è svolto dal 19 al 23 giugno 2017 a San Gimignano, in Italia, intitolato: "L'esperienza interculturale del ministero pastorale in un'Europa in evoluzione. Nuove forme di evangelizzazione nell'Ordine". I partecipanti provenivano dalle province anglo-scozzesi, italiana, maltese, polacca, spagnole e dall'Abbazia di Brno. I partecipanti hanno fatto un visita all'eremo di San Leonardo e a Lecceto. É stata un successo.

Papa Francesco è noto per essere un forte sostenitore del sostegno ai profughi e agli sfollati. I suoi famosi inviti alle istituzioni cattoliche per aprire chiese, monasteri, scuole e case di formazione a rifugiati e sfollati. Il nostro Priore Generale Rev. Alejandro Morale OSA ha ugualmente fatto eco a questa chiamata del Papa nelle sue lettere, alla luce della crisi umanitaria globale che affligge molte regioni del mondo. L'elenco dei paesi colpiti è senza fine.

Mentre il compito dato può sembrare così scoraggiante da spingere all'inattività, gli Agostiniani Nigeriani hanno preso seriamente questa chiamata del papa e hanno deciso di creare un centro di acquisizione di abilità nello stato di Maiduguri Borno.

Il centro chiamato agenzia professionale e tecnica agostiniana (AVTI), è stato commissionato l'8 giugno 2017 dal Provinciale Agostiniano Nigeriano, p. John Abubakar, OSA. Il centro ha sei reparti: applicazione di computer, sartoria, ristorazione, maglieria, calzoleria e parrucchiere. Altri reparti come la carpenteria, il lavoro in metallo e il meccanico saranno aggiunti in futuro. Sono stati iscritti 400 rifugiati e sfollati per il programma: un programma gratuito nella scuola e, ai partecipanti, verrà dato un pacchetto di avviamento di attività alla fine della loro formazione semestrale. Questo è il contributo della Provincia Nigeriana Agostiniana nella lotta alla povertà e al sostegno dei bisognosi della nostra società.

Nei giorni 24-26 maggio si è tenuta a Roma la riunione del Comitato di governo dell'Istituto di Spiritualità Agostiniana. Hanno partecipato i padri: Luis Marín (Presidente), Joseph Farrell (Vice Presidente), Pasquale Cormio (economo), Luis Guzmán e Jude Ossai. Ha inoltre partecipato via internet P. Robert Guessetto. Si é fatta una valutazione dell'ultimo corso di spiritualità in lingua spagnola e si é programmato il prossimo in lingua inglese. Inoltre sono state approvate varie iniziative e attività per il prossimo anno. Il Priore Generale ha salutato i partecipanti alla riunione, ringraziandoli per il lavoro svolto dall'Istituto e li ha incoraggiati a continuare il lavoro intrapreso per il bene dell'Ordine.

© Copyright 2011-2017 - Ordine di Sant' Agostino - Contatti - Aggiornato ultimamente: 20. 09. 2017 - Site is powered by CMS Made Simple

Disclaimer: The links on this site have been carefully reviewed and selected. The Augustinian Order has no control over these listed sites, any changes or additions made to their content, or links to other sites that they may contain. For that reason, we cannot completely guarantee the reliability, appropriateness or theological orthodoxy of the total contents of these sites. Additionally, inclusion on this site does not imply endorsement of any product or service that may be offered for sale or advertised on these sites.